ZTE Mimosa: il Windows Phone cinese



Continua inarrestabile la marcia di ZTE che, dopo la presentazione al Mobile World Congress dello scorso mese di una nutrita pattuglia di nuovi device mobili, continua a far parlare di se con la versione Windows Phone del Mimosa X, già presentato a Barcellona in versione Android 4.0 Ice Cream Sandwich.

Iniziano, infatti, a circolare in rete insistenti voci in merito a questa versione dello smartphone ZTE che dovrebbe essere addirittura dotato dell’ultimissima versione del sistema operativo mobile di Redmond, la cosiddetta “refresh”. Anche in questo caso il punto di forza del nuovo Mimosa X sarà certamente il prezzo che, secondo i rumor della rete potrebbe essere inferiore a quello già aggressivo dell’ultimo nato in casa Nokia, il Lumia 610.

Mimosa con Windows Phone completerebbe la gamma degli smartphone ZTE con il sistema operativo Microsoft che vede già presenti i modelli ZTE Tania, con display da 4,3 pollici e ZTE Orbit attesi sul mercato nelle prossime settimane.

Ovviamente il lancio ufficiale avverrà sul mercato cinese che già in queste ore vede apparire le prime soluzioni Windows Phone refresh ma in breve tempo l’azienda cinese prevede di coprire anche il resto del mondo. Sebbene manchino indiscrezioni e immagini attendibili del nuovo smartphone ZTE Mimosa WP, per ora chiamiamolo così, le notizie parlano insistentemente di un terminale basato su un processore, forse un dual core, da almeno 800 MHz di frequenza operativa e con almeno 256 MB di memoria RAM.

Fortunatamente la velocità di ZTE nei nuovi annunci ci fa ben sperare, in tempi brevio, di sollevare gli ultimi veli sulla sua nuova creatura facendoci capire anche il tipo di display e le altre caratteristiche tecniche che tanto ingolosiscono gli utenti più evoluti.