Quando lo smartphone scalda





Questa volta è inutile prendersela con Minosse o con l’anticiclone africano che ha interessato la nostra penisola. Se il nostro smartphone scalda in modo eccessivo, piuttosto che prendersela con l’estate, sarà il caso di passarci una mano sulla coscienza e chiederci che cosa stiamo pretendendo dal nostro device. Purtroppo tutti gli apparati elettronici devono dissipare una buona parte dell’energia elettrica che li alimenta sotto forma di calore che deve essere poi smaltito verso l’esterno per evitare di “cuocere” il processore.

Quando usiamo il nostro smartphone per giocare, per esempio, impegniamo moltissimo la sezione grafica del processore, chiedendole di ridisegnare il display ad altissima velocità. Contemporaneamente tutto l’hardware è impegnato per il controllo dei vari sensori e delle azioni di gioco che stiamo eseguendo. La conseguenza inevitabile è un maggiore consumo di corrente, del quale non ci rendiamo conto fino al fastidioso “beep” che ci segnala che la batteria è quasi scarica, e del riscaldamento del nostro smartphone.

Alla stessa stregua, quando utilizziamo lo smartphone per collegarci in modalità HSDPA alla rete internet, la velocità di connessione e la maggiore quantità di dati che devono essere elaborati dal processore portano a un maggiore consumo di corrente e quindi a un maggior riscaldamento del modulo dati del nostro device. Il fenomeno può anche raggiungere livelli preoccupanti per il neofito se utilizziamo reti a 7,2 o 14,4 Mbps o maggiori proprio a causa dell’elevata velocità di elaborazione. Ovviamente non si tratta di una maggiore potenza del nostro modulo radio ma semplicemente di un maggior “impegno” dell’elettronica. Anche in questo caso il parametro da controllare, oltre a un riscaldamento sensibile dello smartphone, è il consumo della batteria che può essere molto rapido.

Ovviamente stiamo parlando di casi ordinari, quando lo smartphone ha ragione di scaldarsi. Un surriscaldamento della cover durante una normale chiamata, diciamo di cinque, sei minuti, deve invece far preoccupare, specie se la batteria cede e si scarica velocemente. In questo caso, comunque, è opportuno controllare se abbiamo molte applicazioni in esecuzione in background, specie quelle che fanno uso del GPS e della rete dati, che potrebbero provocare un alto consumo di energia e quindi il riscaldamento dello smartphone.

Solo se siamo sicuri che lo smartphone stia utilizzando il minimo delle risorse e scalda in modo anomalo, è il caso di rivolgerci a un centro assistenza per far controllare l’elettronica e la batteria evitando, se non siamo veramente esperti in elettronica, il fai da te o i consigli dei soliti “ben informati” che, in molti casi, riescono a solo a peggiorare la situazione.

smartphone_aperto