Pagare online con il cellulare: il telefonino come carta di credito



Nel paese dove ci sono più cellulari, o meglio più Sim che abitanti, la notizia dovrebbe suscitare un notevole interesse. In un solo colpo via dalle tasche bancomat, carte di credito, banconote e monete. Tutto sostituito dal cellulare!
La novità, già possibile in alcuni paesi esteri, dovrebbe essere presto attiva anche in Italia grazie ad un accordo fra Tim, Vodafone, Wind, 3 Italia, Fastweb e Postemobile con il supporto tecnologico di Engineering e Reply. In pratica, per effettuare un pagamento online basterà inserire il proprio numero di cellulare per vedere l’importo dell’acquisto scalato dal credito residuo o addebitato sul proprio conto telefonico. La sicurezza dovrebbe essere garantita da un SMS, gratuito ed in tempo reale, con la password per completare la transazione.
Oltre a poter rivoluzionare le nostre abitudini, la grossa novità è proprio nell’accordo fra i gestori sulla realizzazione di una piattaforma condivisa destinata ai pagamenti on line.
La formula, semplice ed intuitiva, ha il grosso vantaggio per l’utente di non doversi identificare ogni volta ricordando username, pin, password etc.
Basti pensare alla semplicità con cui si potrebbe, per esempio, acquistare un biglietto dei mezzi pubblici: al volo, in pochi secondi da un distributore automatico, inserendo il solo numero di telefonino e dopo pochi secondi la password ricevuta sul telefonino. Senza la ricerca delle monete, senza litigate con il lettore di banconote che accetta solo cartamoneta appena uscita dalla Zecca di Stato.
Certo a valle dell’accordo fra i gestori molte realtà dovranno adeguarsi a questa nuova forma di pagamento. Senza dimenticarci che per ogni 100 abitanti in Italia ci sono 158 utenze radiomobili ma ci sono anche 155 carte di credito.