L’ultimo sogno di Steve Jobs





Ne ha avuti di sogni, nella vita, Steve Jobs. A differenza di tanti altri, però, lui molti è riuscito a realizzarli mettendo in gioco la sua buona dose di maniacalità e la sua genialità. Steve non sognava di produrre computer, anzi probabilmente non aveva nemmeno idea di cosa ci fosse al loro interno. Sapeva, però, capire ciò che la gente desiderava. Sapeva dargli ciò di cui aveva bisogno prima ancora che la domanda si manifestasse. E sapeva farlo prima degli altri.

Con una buona dose di cinismo, Jobs è arrivato dove gli altri sono arrivati molto tempo dopo. E’ stato così per il Macintosh, è stato così per l’iMac. Infine, è stato così per iTunes, iPod ed iPhone. Si può dire che Jobs abbia salvato le case discografiche da un tracollo inevitabile, aumentando al tempo stesso i fatturati della Apple.

Ma a cosa pensava l’ex iCEO di Apple, poco prima di morire? Ebbene, è chiaro che Steve aveva già in mente idee e progetti per l’iPhone 5 così come stava pensando a nuovi software in grado di stimolare ancora gli utenti.

Certo, nessuno si aspettava il progetto giunto agli onori della cronaca negli ultimi giorni: a quanto pare, nei sogni del tanto acclamato padre della Apple c’era una iCar. Steve voleva progettare un’automobile a marchio Mela, in grado di unire le tecnologie più avanzate della Apple nel campo della comunicazione, con un’idea di automobile innovativa ed a basso impatto ambientale.

Chi l’avrebbe mai detto? Beh, con il buon vecchio Jobs è possibile aspettarsi di tutto. Appena dieci anni fa nessuno avrebbe mai immaginato l’iPhone, eppure oggi gli smartphone sono nelle tasche di milioni di persone…