Internet sul telefonino: quante persone lo usano nel mondo



C’è voluta una ricerca dello United States Bureau of Labor Statistics per dare ad internet il ruolo che dalle pagine del nostro network stiamo delineando ormai da oltre un anno: il web si sta trasferendo ufficialmente sul telefonino e, per questo motivo, la diffusione degli smartphone anche nel 2013 si prepara a subire un’ulteriore impennata.

La ricerca poc’anzi citata ha sottolineato come gli utenti statunitensi passino molto più tempo a contatto con le app per iOS ed Android piuttosto che utilizzando i normali browser desktop per accedere ad internet.

Anche il tempo passato dinanzi alla tv rischia di diminuire a tutto vantaggio delle app per smartphone che utilizzano internet per offrire agli utenti un’esperienza unica di interazione fra informazioni e velocità di utilizzo.

I device mobili di ultima generazione negli Stati Uniti hanno, dunque, preso il posto del pc tradizionali e della tv ed è facile ipotizzare che a breve anche l’Europa si adeguerà alla moda made in USA. Fa sorridere il fatto che, così come fu per i pc desktop, anche questa volta sia stato il genio di Steve Jobs a stravolgere le abitudini di milioni di persone. Quando, nel 2007, fu lanciato l’iPhone, l’idea di internet sul cellulare esisteva già ma ancora una volta è stata la Apple a renderla di uso comune.

Molte sono state le statistiche diffuse negli ultimi tempi che non hanno fatto che confermare questa tendenza ma, al di là dei numeri, l’impatto materiale della rivoluzione in atto è tangibile anche solo uscendo per le strade. Gli utenti, un tempo legati ai pc desktop, ora camminano a capo chino sui loro device. Siamo sicuri che sia un pregio?

 

Group_of_smartphones