Da iPhone 4 a iPhone 4S a iPhone 5



Prendere oggi un iPhone 4S o un iPhone 4 oggi negli Stati Uniti costa poco o niente, se si sottoscrive un contratto biennale di servizi telefonici. Piuttosto che pensare a un “iPhone Lite”, quindi, Apple preferisce concentrarsi sul nuovissimo iPhone 5 da poco arrivato anche nel nostro paese. Se mettiamo a paragone i tre ultimi modelli del Melafonino (parliamo di modelli “usciti” comunque negli ultimi 27 mesi) il vincitore sarà sicuramente l’ultimo nato ma la possibilità di risparmiare non poco per prendere il modello precedente potrebbe portare nuovi utenti alla casa di Cupertino.

Quali sono le differenze fondamentali, quelle che in fondo interessano l’utente medio del mercato degli smartphone, fra i tre ultimi modelli? Il design e le dimensioni sono fondamentali. iPhone 5 è sicuramente più lungo ma essendo anche il più sottile dei tre garantisce una presa più sicura e scompare in un taschino. Anche il peso gioca a suo favore tant’è che qualcuno l’ha definito “iPhone Air”. Secondo questi fedelissimi utenti dell’Apple, dopo aver usato il leggerissimo ultimo arrivato, iPhone 4 pesa come un fermacarte. Sul peso influisce anche il retro dello smartphone dell’Apple, prima in vetro e ora in leggerissimo alluminio.

Sul fronte del display i tre modelli montano i Retina da 326 PPI ma iPhone 5 è più grande di mezzo pollice. Questo ha aumentato la risoluzione con un aspetto che è un 16:9 allungato. I vecchi utenti del Melafonino lo troveranno un poco strano, all’inizio, ma lo spazio addizionale per le applicazioni, le foto, e le pagine internet sarà sicuramente apprezzato. Apple ha optato anche per uno schermo più sottile nel nuovo modello. La particolare tecnologia adottata per la parte sensibile al tocco porta i pixel più vicini alla superficie e l’azienda parla anche di un guadagno nella saturazione dei colori di circa il 40%.

Il nuovo processore A6 montato nell’ultimo nato ha seguito il progressivo incremento delle performance che da iPhone 4 è giunta, oggi, a livelli senza precedenti. Anche la memoria RAM è stata raddoppiata arrivando al gigabyte attuale, mentre nei precedenti modelli era di “soli” 512 MB. Sul fronte dello storage iPhone 4S si trova oggi nel “taglio” da 16 GB mentre il vecchio iPhone 4 si trova con 8 GB di memoria disponibile.

Forse la parte più interessante riguarda proprio la connettività che dalla “vecchia” 3G dei precedenti modelli passa alla moderna LTE, capace di una velocità di download fra 8 e 40 Mbps, lasciando al palo iPhone 4 e 4S. La durata della batteria, a dispetto dell’aumento generale delle performance, resta la stessa. Insomma ci troviamo di fronte a tre diversi modelli tutti validi ma che, come le auto e gli orologi, pur svolgendo funzioni simili si adattano ognuno al portafoglio, al gusto e alle necessità dell’utente. Per scegliere basta provare.