BlackBerry: quali novità all’orizzonte?



Quanto durerà ancora il calvario per la Blackberry, un tempo nota come RIM, ora che le vendite dei suoi device superano di poco il 2 %? Pochi anni fa nel settore business la RIM deteneva quasi il 50 % delle vendite… oggi, invece, le cose sono cambiate radicalmente.

I nuovi Blackberry hanno detto addio alla tastiera QWERTY a favore del touchscreen ma, nelle ultime settimane, si è rifatta avanti l’ipotesi di ritornare alla tastiera fisica allo scopo di guardare nuovamente punti nel settore business.

Dopo l’avvento del connubio Android/Samsung, infatti, la RIM ha pensato di sviluppare i suoi Blackberry anche per il pubblico giovane e non business. Il risultato non è stato per nulla eclatante e, dunque, oggi come oggi l’unica strada per rinascere sembra quella di tornare al passato.

L’azienda Blackberry, inoltre, pare abbia deciso di puntare tutto sulla tutela della privacy per riguadagnare credibilità sul mercato: in un momento storico in cui sia iOS che Android sembrano essere vittime e complici insieme del Datagate, Blackberry potrebbe offrire agli utenti la sicurezza che i propri dati sensibili vengano tutelati al meglio utilizzando un sistema operativo posizionato al di fuori delle logiche di controllo delle masse in cui, invece, sono finite sia la Apple che l’azienda a marchio Google.

Buoni propositi, dunque, per un’azienda che, come la Nokia, da un bel po’ è in difficoltà ma che non vuol mollare la rincorsa ad avere un ruolo di tutto rispetto nel mercato dei device mobili. Nei prossimi mesi, dunque, scopriremo i nuovi device con tastiera fisica.

 

blackberry-curve-9300-29g1-800