Android: come proteggere il Wi-Fi



Quando il vostro device Android utilizza una rete WiFi diventa davvero una bomba, vero? Già, perché un device già di per sé potente in cui sono installate app ottimizzate per la connessione dati 3G, diventa ovviamente più veloce quando può utilizzare una connessione WiFi.

Ebbene, pochi giorni fa è stato rivelato un vero e proprio Bug che mette a rischio la privacy dei device Android che utilizzano una rete WiFi. Il bug è già stato segnalato dalla EFF a Big G ma a quanto pare è ancora all’opera: in pochi step è possibile che venga trasmessa la cronologia delle reti WiFi cui lo smartphone è stato collegato fino a ben quindici punti d’accesso!

E’ un bug che riguarda, a partire da Honeycomb, tutte le versioni di Android anche se quasi sempre l’utente stesso può bloccare la trasmissione senza particolari problemi.

Il vero problema è che, dal momento che il bug agisce quando il device Android è in stand-by, un modo per limitare il suo dilagare sarebbe quello di non mettere mai il device off-line riducendo, così, la durata già esigua della batteria.

Il sistema Android, infatti, tiene in memoria le reti wireless per automatizzare la connessione qualora ci si trovi nelle vicinanze di un segnale già utilizzato, anche quando è off-line. In questo modo, però, la lista delle connessioni appare in chiaro e può essere recuperata da altri utenti. L’indirizzo di riferimento non è trasmesso in codice ma in linguaggio semplice e chiaro e, dunque, è alla mercé di chiunque.

Vi basterà disattivare il WiFi ed attivarlo soltanto quando decidete di utilizzare una rete sicura.

 

A_Press_Conference_for_the_Launch_of_Nexus_7_on_September_27,_2012_in_Seoul_from_acrofan_3